Chiese

 

puntini

Per secoli i rintocchi delle campane hanno richiamano i fedeli e i campanili hanno guidato i viaggiatori. Oggi è questa patina di storia a catalizzare appassionati ed esperti, alla scoperta di affreschi rinascimentali e volte lignee a botte tipiche della tradizione lombarda.

Santuari, oratori, edicole: un territorio che porta con sé la propria tradizione cattolica e i suoi santi, riti e luoghi dedicati alla preghiera.

Ogni comune presenta all'interno del proprio territorio molteplici esempi di architettura sacra, ognuno caratterizzato da una storia e da vicende che hanno fatto nascere leggende di tutti i tipi.

La storia italiana si intreccia spesso con quella della sua religione, ed oggi le chiese sono scrigni in cui custodire patrimoni artistici di rilievo, sia che siano affreschi tardo medioevali o che siano pale d'altare rinascimentali.

N.S. DELLA MISERICORDIA o CHIESA DI VETRO

La chiesa di Vetro, situata a Baranzate, è una struttura realizzata dagli architetti Mangiarotti e Morassutti e dall’ing. Favini nel 1957, inaugurata dal cardinale Montini. La struttura, ad aula unica in cemento precompresso con pareti in vetro opacizzato ed altare in marmo verde, è circondata da un muro con le 14 stazioni della Via Crucis realizzate dallo scultore Gino Cosentino.

Interno della Chiesa di Vetro a Baranzate
CHIESA DI SAN PIETRO ALL'OLMO o CHIESA VECCHIA

La chiesa, situata nella frazione di San Pietro all’Olmo, è un tempio di epoca protoromanica (fine X sec.) che sorge sulle rovine di una “domus” romana del I-IV sec. d.C. della quale sono ancora ben documentati alcuni vani, di cui uno absidato, dotati di riscaldamento sotterraneo. La Chiesa, recentemente riconsegnata agli usi civici, permette ora una piena visione degli scavi archeologici attraverso un pavimento in vetro, che evidenziano i resti di una villa romana del IV secolo.

Chiesa Vecchia di San Pietro all’Olmo
SANTUARIO DELLA MADONNA ADDOLORATA

A seguito di un miracolo del 1583, fu commissionato dall’Arcivescovo di Milano San Carlo Borromeo al suo architetto Pellegrino Tibaldi e affidato alla Congregazione dei Padri Oblati. Il complesso fu completato nel 1806 con la facciata di L. Pollack. All’interno stucchi, affreschi e pale d’altare di importanti pittori del '600, fra i quali Procaccini, Morazzone e Lanzani.

Interno del Santuario di Rho
ORATORIO DEI SANTI AMBROGIO E CATERINA

L’edificio, notevole esempio di oratorio lombardo del XIV secolo, fu fatto costruire da Ambrogio Birago e dalla moglie, Caterina degli Amizzoni, tra il 1363 e il 1367. La decorazione pittorica costituisce un significativo esempio della cultura figurativa elaborata da ambienti vicini alla corte viscontea. Realizzata in mattoni a vista, in linea con la tradizione locale, la cappella presenta una facciata a capanna con un piccolo rosone al centro.

Oratorio dei Santi Ambrogio e Caterina
  • Santuario della Beata Vergine delle Grazie (detta del Latte)

  • Chiesa Parrocchiale di Sant’Antonio da Padova

  • Chiesa Vecchia di S. Pietro all'Olmo

  • Oratorio di San Bernardino in Valera

  • Chiesa Parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo

  • Oratorio S. Giovanni Battista

  • Oratorio dei Santi Ambrogio e Caterina

  • Chiesa di Vetro

  • Madonna in Campagna

tratteggio